Perchè studiare informatica? Ecco quattro motivi

Ospitiamo questo contributo di StuDocu a cura di Giulia Pianelli. StuDocu è un servizio web fondato nel 2013 da quattro studenti. L’obiettivo è quello di rendere possibile lo scambio di materiale tra studenti per eccellere nello studio.

XXI secolo: c’è chi lo definisce “l’Era del digitale”. Effettivamente, le tecnologie informatiche sono ormai parte integrante del nostro quotidiano. Integrante e fondamentale… ve lo immaginate un mondo senza computer? Niente più comunicazioni in tempo reale, lavoro d’ufficio, grafiche, film in streaming, videogiochi e chi più ne ha più ne metta. Siamo, a tutti gli effetti, dipendenti dall’informatica. Le nuove generazioni vengono, non a caso, indicate come “nativi digitali”. Ma siamo davvero convinti che sia un vantaggio? Contrariamente a ciò che si pensa, i giovani non conoscono affatto la tecnologia. Nonostante essi siano veloci nell’apprendere l’utilizzo degli strumenti, non saprebbero rispondere a domande come “cosa c’è all’interno del PC e come funziona”? Molte, troppe cose vengono date per scontate. Ecco che allora si rivela l’utilità dei corsi d’informatica. Dalla grafica alla programmazione, da Macintosh a Microsoft: ce n’è per tutti i gusti.

Di seguito riportiamo quattro principali motivi per cui studiare informatica potrebbe rivelarsi una scelta ben più che azzeccata.

Affrontare e risolvere problemi

Studiare informatica, soprattutto imparando a programmare, è un po’ come studiare latino. Si apprende un metodo, il quale permette di affrontare e risolvere problemi pertinenti anche ad altri ambiti. Riconoscimento, scomposizione, codifica e soluzione: un processo lento e meticoloso, che richiede una buona dose di pazienza. Un procedimento risolutivo applicabile in qualsiasi altra situazione esterna. Provare per credere!

Trovare lavoro

Ebbene sì. Il rapporto “Il lavoro dopo gli studi” (2017) di Unioncamere posiziona il settore disciplinare “Ingegneria dell’informazione” al secondo posto tra quelli cercati dagli HR. Inoltre, gli studi informatici sono quelli che garantiscono l’assunzione ai candidati più giovani. La percentuale di under 30 che trovano impiego è maggiore di quella di tutti gli altri settori. Tuttavia, gli sbocchi lavorativi non riguardano esclusivamente il territorio italiano, ma si estendono anche all’estero. Saper utilizzare bene il PC è un vantaggio non da poco.

Analizzare (e sfruttare) i dati

Informazioni e contatti in tempo reale: la maggior conquista delle tecnologie del nuovo millennio. Grazie ad esse, le aziende riescono ad accedere a un numero sempre più grande di dati relativi ai propri clienti. In questo modo, riescono a creare delle offerte customizzate ad hoc. L’importanza dei Big Data e del loro utilizzo è ormai un aspetto imprescindibile. Ecco allora che si affermano nuove figure professionali come Digital CRM Manager, Digital strategist e Profiling Manager.

Sfogare la propria creatività

Sviluppare soluzioni informatiche di alta qualità e di successo è un’attività altamente creativa che va ad applicarsi a tutti i campi produttivi moderni. Pensate a ciò che fanno i grafici, con tutti gli strumenti per dar valore a foto e video. Immaginate, poi, quanta creatività può esprimere un programmatore di videogiochi o un realizzatore di siti web.

Lo studio dell’informatica si rivela essere tutt’altro che noioso e pieno zeppo di sfaccettature. Programmazione, data analysis o grafica? A voi la scelta!

WhatsApp