Corsi soft skill: investi su di te

Corsi soft skill: investi su di te

Il famoso autore americano Stephen Covey nel suo libro “I sette pilastri del successo” racconta la storia emblematica di un tagliaboschi che è molto più rapido degli altri nel tagliare.
Quando gli chiedono il segreto del suo successo, egli risponde molto semplicemente che prima di iniziare a tagliare trascorre del tempo ad affilare l’ascia.
Quando sviluppi competenze trasversali (le “soft skills”) quello che stai facendo è prenderti del tempo per affilare l’ascia in modo da essere più efficace in tutto ciò che fai nella tua attività professionale.
Il tempo dedicato all’accrescimento delle abilità professionali personali non è mai tempo sprecato. Scoprirai che implementare le tecniche di comunicazione efficace nel tuo gruppo di lavoro è una competenza strategica per te e per la tua azienda e andrà anche a vantaggio della capacità di negoziazione di tutto il team commerciale, potenziando automaticamente le skill necessarie per le vendite di prodotti e di servizi anche in caso di negoziazioni complesse.

“Affilare” le soft skill: il segreto del tagliaboschi

Quello che ti insegna il tagliaboschi è riservare una parte del tuo tempo per dedicarti a te stesso dal punto di vista professionale (affilare la tua ascia).
Si tratta delle soft skill, cosa sono e come coltivarle?
Ecco le principali soft skills e i relativi corsi, essenziali per tutti i settori di mercato che incontrerai:

  • corsi di comunicazione efficace: è importante che tu conosca gli aspetti relazionali della comunicazione e impari a risolvere i conflitti a livello relazionale, ascoltando e comprendendo realmente gli altri;
  • corso leadership e gestione delle persone: se hai responsabilità su un gruppo di lavoro, devi saper gestire le risorse per incrementare la capacità del team di raggiungere gli obiettivi prefissati, evitando di basarti solamente su ciò che hai appreso sul campo;
  • corsi sulle tecniche di negoziazione: non pensare che sia utile solo in ambito commerciale, sappi che in ogni situazione dove ci siano più interlocutori con esigenze e obiettivi diversi, la capacità negoziale consente di arrivare a una risoluzione soddisfacente per tutte le parti coinvolte.

In sintesi: aumentare l’efficacia della comunicazione professionale, migliorare la gestione del team per raggiungere gli obiettivi prefissati e impostare le negoziazioni commerciali con competenza non sono degli optional: sono piuttosto esigenze vitali per la tua vita professionale.
È un’urgenza.
Ma in un mondo frenetico con mille esigenze, come collocare questa urgenza?
Impara a gestire le urgenze lasciandoti ispirare dal generale Eisenhower.

Eisenhower: i 4 settori di urgenza e importanza

corsi soft skill in espero: investi su di teSi dice che il generale Eisenhower, poi diventato presidente degli Stati Uniti, durante la seconda guerra mondiale organizzasse il suo lavoro suddividendo le pratiche per urgenza e per importanza. Questo ha portato a creare la cosiddetta matrice Eisenhower, che puoi usare per l’organizzazione del tuo lavoro: (1) affronta subito le cose urgenti e importanti, (2) impara a dare spazio a quelle importanti ma non urgenti, (3) cerca di ridurre gradualmente le cose urgenti non importanti e infine (4) ridimensiona drasticamente le cose non urgenti né importanti.

Una delle sue massime era:
“ciò che è importante raramente è urgente,
ciò che è urgente raramente è importante”.
Il punto 2 (il quadrante giallo) è quello cruciale: si tratta di tutto ciò che non ti preme con urgenza, ma che ponendovi attenzione potrebbe cambiare la qualità del tuo operato.

Ecco qualche esempio di cose importanti non urgenti tratto dalla vita di tutti i giorni:

  • andare in palestra e fare esercizio fisico è importante, pur non essendo urgente;
  • riordinare in modo meno caotico i tuoi file è importante, ma lo rimandi continuamente;
  • migliorare le presentazioni aziendali è un’attività strategica, pur non essendo impellente.

La domanda che a questo punto devi porti è le seguente: come trovare il tempo per gestire le attività importanti non urgenti descritte al punto 2?

In questi anni abbiamo aiutato tanti professionisti a rispondere a questa domanda, suggerendo durante il tutoraggio e la formazione sulle soft skill metodi simili alla matrice Eisenhower.
Spesso questi corsi diventano un vero trampolino di lancio per l’aumento delle performance.
Aumentare le performance personali è il risultato di una serie di attività riconducibili a una semplice formula matematica: la formula della performance secondo Gallwey.

Le performance secondo Gallwey

Ti può dare una mano Timothy Gallwey, considerato il padre del coaching:

Performance = Potenziale − Interferenze

Gallwey teorizza che le performance (sportive, professionali, personali, …) non possono mai essere uguale al tuo potenziale, visto che nella vita troverai sempre qualche interferenza che non permetterà l’espressione massima delle tue potenzialità.
Il lavoro che ti aspetta è quello di ridurre al minimo le interferenze, sia esterne che interne.

corsi soft skill in espero: investi su di teCerca di osservare e identificare le tue principali interferenze esterne come la mancanza di risorse, la carenza di informazioni o lo scarso sostegno della platea: non puoi controllare queste interferenze, ma puoi gestire la tua reazione personale di fronte ad esse.
Sulle interferenze interne invece hai il pieno controllo e puoi fare molto per diminuirle e liberare il tuo potenziale: impara a controllare la paura del giudizio, a gestire la tua emotività, a ridurre le tue incoerenze, e via dicendo.

Ecco alcuni corsi disponibili anche in aula virtuale che possono aiutare te e il tuo gruppo di lavoro aziendale in questo approfondimento sulle soft skill:

Ciao,
come possiamo aiutarti?
Chat
Valutazione di Google
4.9
Basato su 133 recensioni