Dissocial: smartphone e internet, con consapevolezza

Quanto tempo passiamo con lo smartphone davanti agli occhi? Quante cose sanno le società di marketing su di noi? E se qualcuno mi offende sui social, è reato oppure no?

Webinar DissocialViviamo ogni giorno stringendo in mano strumenti potentissimi, capaci di connetterci con ogni parte del mondo. Possiamo parlare a migliaia di persone, acquistare prodotti, consultare mappe, guardare video. Ma, molto spesso, pochi di noi sono realmente consapevoli di che cosa accada sui nostri digital device e sulla rete che li connette tra loro: internet.

Dissocial “Christmas Edition” è un momento di incontro, formazione e scambio pensato per renderci più consapevoli di quello che accade online e, naturalmente, per offrire buone pratiche, conoscenze e strumenti in grado di aiutarci a difendere la nostra privacy, la nostra salute e la nostra sicurezza digitale.

Questo corso non ha prezzo! (Ed è gratis!)

Il corso è offerto da Èspero in forma totalmente gratuita a tutti quelli che ne faranno richiesta, fino ad un massimo di 50 persone.

Un piccolo regalo di Natale per chi ci ha sempre seguiti e supportati, ma anche un grande contenuto, da condividere con professionisti del digital o con chi, semplicemente, fa uso di servizi digitali, senza averne una conoscenza più di tanto approfondita.

Se siete interessati, contattateci e condividete l’articolo con una persona alla quale volete fare una gradita (e utilissima) sorpresa.

Com’è il corso e di che cosa si parla?

Durante l’incontro, della durata di un’ora e mezza, in modalità FAD, i docenti affronteranno le seguenti tematiche:

Incollàti allo schermo!

Screen Time e dipendenza da media device. Fanno male (e, ormai, la cosa pare essere assodata). Serve mettersi a dieta e farne un uso sempre più consapevole, per evitare indigestioni.

Il prodotto sei tu

Targeting e monetizzazione. La gratuità dei social network spesso nasconde un prezzo altissimo: i nostri dati e la nostra privacy. Facciamo attenzione a che cosa condividiamo e con chi (anche se questo “chi” non sono persone, ma aziende).

Reati digitali

Cyberbullismo, revenge porn, sharenting, sexting. Non è il Far Web. I reati online devono portare a pene offline! E, se si subisce un torto, si ha diritto a difendersi.

È sempre il 1° di Aprile

Fake news e notizie costruite per sembrare vere (e polarizzarci). Capiamo che cosa è una notizia falsa, che cosa è una notizia finta, e in che modo è possibile costruirsi degli anticorpi per riconoscerle (e riderne).

Al termine sarà lasciato spazio alle domande degli iscritti e saranno forniti link di approfondimento e strumenti utili.

Docenti (e autori) del corso:

I fratelli dei bit

The Bit Brothers è il nome che Federico e Alice hanno scelto per firmare i loro progetti di Pedagogia Digitale (divulgazione, formazione, approfondimenti).

La scelta di unire le loro professionalità è volta ad offrire uno sguardo eterogeneo e multidisciplinare, capace di spaziare da approfondimenti sulle evidenze psicopedagogiche sull’uso del digitale a strategie di coinvolgimento, profilazione, persuasione che le big tech companies mettono in atto quotidianamente.

I progetti firmati The Bit Brothers sono rivolti a genitori, bambin*, ragazz*, insegnanti e professionist* dell’educazione… e, più in generale, a chiunque muova i propri passi nel digital e voglia essere un po’ più consapevole di quello che accade online (e, di conseguenza, offline).

Alice Di Leva, Pedagogista (prima infanzia, media devices) Lavora come dottoranda in Scienze Pedagogiche presso l'Università degli Studi di Torino. Oltre al lavoro accademico, porta avanti (su Instagram) il progetto Nadì - Nati Digitali e offre formazioni e consulenze per ragazzi, educatori, insegnanti, genitori.
Articolo di Alice Di Leva
Pedagogista (prima infanzia, media devices)

Lavora come dottoranda in Scienze Pedagogiche presso l'Università degli Studi di Torino. Oltre al lavoro accademico, porta avanti (su Instagram) il progetto Nadì - Nati Digitali e offre formazioni e consulenze per ragazzi, educatori, insegnanti, genitori.

Tutti gli articoli di Alice Di Leva »
Serve aiuto?
Chatta con noi
Valutazione di Google
4.9
Basato su 139 recensioni
js_loader