Espero all’Apple TV Tech Talk di Berlino

Anche quest’anno Espero ha il suo esperto presente ai tradizionali eventi tecnici Apple, il docente Ing. Gianenrico Conti. Si tratta dell'”Apple TV Tech Talks” tenutosi a Berlino lo scorso 8 gennaio 2016.  Alcuni dettagli sono sotto NDA, ma alcuni aspetti sono già pubblici e sono stati rimarcati e puntualizzati “dal vivo”, visto che e’ sempre piu’ efficace confrontarsi di persona invece di delegare la formazione in toto alla lettura della fredda documentazione.
La parola all’Ing. Conti: let’s recap! Tre sono le parole chiave ribadite al meeting di Berlino rispetto alla navigazione con Apple TV: – always connected- clear- immersive
Ecco alcuni aspetti emersi. Apple TV e’ un device “always connected”, cambiano quindi parecchie logiche rispetto a tematiche di banda, navigazione e caching che erano standard nei vecchi dispositivi. Una delle conseguenze: per lo sviluppo sotto iOS lo spazio dati sarà massimo 200 MB (i dati non devono essere residenti, ma devono arrivare sempre dalla rete (CloudKit e’ la parola d’ordine).
Lato più tecnico. La navigazione con Apple TV è sempre a stack, mai “spaghetti like”, quindi l’orrenda navigazione a link tipica del web va bandita: la navigazione e’ un albero, mai un grafo.
Il telecomando di Apple TV. Ha accelerometro e giroscopio integrati, si possono usare in landscape per simulare movimenti di oggetti (ad esempio il volante di un’auto).
Parallax effect. Nella progettazione di App occorrerà sfruttare parallax effect. Gli ingegneri Apple chiedono di usare UIK it elements e raccomandano di non inventarsi nuove UI / controls (se i “creativi” leggessero questa frase, che cosa direbbero? Ma è ormai vizio comune pensare di essere  più bravi degli ingegneri Apple…)
Focus engineIl motore alla base dell’interattività è in grado di riconoscere anche spostamenti in diagonale. Il focus engine per default si posiziona sulla view in alto a destra (“initial focus”). Qualora sia presente una table View e si passi da una cella ad una view di dettaglio ed il comportmento “top/left” del focus non sia quello desiderato al back alla TableView, e’ possibile usare la proprietà che ricorda la selezione: “remembersLastFocusedIndexPath”. La proprietà “focus” per le view (ed ovviamente buttons e classi della UI derivate…) e’ solo read only: non si puo’ settare, perchè un cambio di focus da codice “destroys clear”: solo il focus engine puo’ cambiare il focus (in coordinamento con i metodi di delega) E’ molto importante utilizzare le focus guide: aiutano il Focus engine ad andare su prossimi elementi.
Che cos’e’ il TVML? Un ibrido Apple per usare media in JSNota: non e’ un vero JS (e quindi molto del codice utilizzato di solito non si puo’ invocare) e non e’ un vero  HTML/WEB, ma permette di scrivere ottimi prodotti multimediali senza sapere per forza Swift e sapendo solo JS.Altra nota: un minimo di 10 righe di swift vanno comunque usate, magari anche facendo banalmente copia e incolla.
Concludendo, erano presenti al meeting alcuni degli “dei dell’olimpo” della programmazione Apple, da Paul Marcos alla nuova guru della UI di TVOS, Rachel Roth, fino ai veri titani come Quinn “The Eskimo!” (responsabile di tutto il CoreOS dei 3 sistemi operativi di apple) che ho incontrato la prima volta nel 1990 a Londra…Tutto sommato il meeting di Berlino è stato un incontro di alto livello tecnico, forse pero’ in uno spazio un po’ angusto per così tante persone, di cui molti italiani, ma sopratutto i nostri connazionali che lavorano in Germania e in Europa in genere. Il nostro paese anche in questo caso e’ risultato essere un fanalino di coda. Percio’ queste poche righe vogliono sollecitare giovani e meno giovani a buttarsi in questa nuova avventura.

Valutazione di Google
4.9
Basato su 87 recensioni