Maestro Pino Pedano

www.pinopedano.it
  • Maestro Pino Pedano
  • Siti Istituzionali
  • lug 2010

Il sito del Maestro Pino Pedano. Pino Pedano nasce nel 1944 a Pettineo (ME). Nel 1951 i genitori lo mandano a bottega ad imparare il mestiere di falegname. Nel 1961 si trasferisce a Milano, dove contemporaneamente lavora di giorno e studia di notte. Nel 1966 apre la sua prima bottega artigiana. Nel 1975 fonda il “Pedano shop”, dove produce una linea di mobili disegnati da lui, interamente in legno di pioppo, dalle linee essenziali e dai costi contenuti. Nel 1975 avviene la svolta artistica che lo porta ad esporre per la prima volta le sue sculture alla “Galleria del Naviglio” di Milano (1976) e nello stesso anno partecipa all’ArteFiera di Bologna e di Basilea. La fama di Pedano diventa in breve tempo internazionale: nel 1977 espone a Parigi, nel 1978 è a Zurigo e nel 1979 a New York alla galleria Abitare. Nel 1990 espone le sue opere presso il Victoria & Albert Museum di Londra. Nel 1992 il Comune di Milano gli dedica una mostra personale alla Rotonda della Besana dal titolo “Il Giardino Segreto”, che riscuote un grande successo. Dopo un’interruzione di quattordici anni dovuta a problemi di salute, nel 2006 nasce la svolta spirituale dell’artista con una mostra personale all’Oratorio della Passione, presso la basilica di S. Ambrogio, intitolata “La Vita Nuova”. Nel 2008 crea un’installazione di opere nella chiesa di Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa a Milano, nella quale si confronta con l’opera di Dan Flavin. La sua ultima esposizione, Risveglio, è allestita sino ad ottobre 2011 presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Il maestro, che aveva già dato incarico ad Espero per la realizzazione del sito della propria storica bottega artigianale (www.pedano.it) ha commissionato anche la realizzazione del proprio sito di artista ebanista.

Un sito semplice e lineare in cui sono le immagini a parlare. Le opere e le esposizioni del maestro sono illustrate con semplicità ed efficacia comunicativa.

Beni Culturali
WhatsApp