L’utilizzo degli oggetti avanzati di Photoshop ci è illustrata dal nostro docente Matteo Masciotti, certificato Adobe ed esperto di Photoshop e Muse. Collabora, oltre che con Èspero, con altri centri Adobe in Inghilterra. Appassionato di fotografia e di progettazione web è anche social media manager certificato Hootsuite.

Converti in oggetto avanzato

Cliccando con il tasto destro il nome di un livello in Photoshop vi sarete accorti della voce , presente nel menù contestuale, “converti in oggetto avanzato” . Quando scegliete questa opzione la miniatura del vostro livello, ma anche di uno sfondo, cambia, e si presenta accompagnata da una piccola icona in fondo a destra. Ma che tipo di operazione avete compiuto? E perchè potrebbe esservi utile nel vostro lavoro di modifiche fotografiche la conversione di un livello , o di uno sfondo, in un oggetto avanzato?Vediamo i vantaggi che vi offrono gli oggetti avanzati e quali scegliere fra quelli che PS vi mette a disposizione.

Conversione in oggetti avanzati
Conversione in oggetti avanzati

Ogni volta che trasformate un livello in un oggetto avanzato dite a Photoshop di memorizzare tutte le informazioni orginarie di quel livello.
Provate infatti a rimpicciolire l’oggetto avanzato con la trasformazione libera (CMD/CTRL +T) e provate poi a ingrandirlo nuovamente: vi accorgerete che PS ha tenuto traccia della trasformazione applicata e sarà in grado di riportare sempre al 100% delle dimensioni il livello di partenza… senza comprometterne l’aspetto!
Se provate la stessa operazione con un livello regolare vedrete ben presto i pixel sgranati a seguito delle operazioni di rimpicciolimento e di ingrandimento.

Oggetto Avanzato vs Livello Regolare
Oggetto Avanzato vs Livello Regolare

Filtri avanzati

Inoltre, i filtri che applichte agli oggetti avanzati sono “non‐distruttivi”; li vedrete infatti comparire sotto alla miniatura dell’oggetto avanzato nel pannello livelli accompagnati da una maschera.
Questo vi garantisce la massima libertà con le modifiche: potete infatti regolare l’intensità del filtro in qualunque momento, così come occultarne temporaneamente l’applicazione cliccandone l’icona a forma di occhio in corrispondenza del nome del filtro stesso.

Filtri-avanzati
Filtri avanzati

Gli oggetti avanzati possono essere editati in una finestra seperata rispetto al documento di partenza. Quando doppio-cliccate la miniatura di un oggetto avanzato questo si aprirà in una scheda che avrà il nome del livello seguito dall’estensione “.PSB”.
Avere il file in una scheda separata vi permette di concentrarvi meglio sulle modifiche che volete apportare senza essere distratti da eventuali testi, loghi, o elementi grafici presenti nel vostro progetto.
Per tornare nel progetto di partenza basta chiudere la scheda PSB assicurandovi di salvare le modifiche effettuate.

Editare in finestre separate
Fare editing in finestre separate

Velocizzare il lavoro in bassa risoluzione

Gli oggetti avanzati possono essere inoltre utilizzati come “segnaposti” in un progetto, o in un layout di un template che state creando, per velocizzare il vostro lavoro, o quello di un collega.
Dal momento che gli oggetti avanzati registrano la posizione (le coordinate x,y) in un documento ed eventuali trasformazioni applicate, potete creare una composizione con degli oggetti avanzati di bassa qualità e sostituirli con quelli di maggiore qualità con un semplice clic destro scegliendo la voce “sostituisci oggetto avanzato” come nella gif che segue.

sostituzione-alta-risoluzione
Sostituzione in alta risoluzione

Nella prossima puntata…

Nel prossimo articolo dedicato agli oggetti avanzati vedremo le diverse modalità applicative di questa tecnologia offerta da Photoshop: distinguendo fra oggetti avanzati incorporati, collegati, e collegati a libreria cloud.
Impareremo dunque quale scegliere se lavoriamo in autonomia oppure se siamo inseriti in una squadra con colleghi e collaboratori esterni.

Ne parleremo diffusamente nella seconda parte…
Puoi acquisire le tecniche avanzate di Photoshop iscrivendoti al corso Photoshop avanzato

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedIn